Roma 1

  • Umberto Armiraglio
  • 2012
  • N. Inv. 270.15.08
  • Edizione 30 + 2 AP
  • Categorie: Paesaggio
Formato M
45x60cm Dimensioni
Digital C Print su carta Fuji DP II Tecnica
Cornice Vetrina Montaggio
 

In questo scatto vivono e si mostrano due delle infinite anime del passato di Roma. Le rovine della Roma antica e il Vittoriano, costruzioni simbolo di due periodi lontani ma costitutivi della realtà di Roma, sono ritratti insieme, sotto allo scuro cielo notturno. L’immagine ha la forza di aprire un varco nel tempo, avvicinando storie distanti ma entrambe necessarie per raccontare e descrivere la città eterna, Roma.
Umberto Armiraglio si avvicina al mondo dell’arte in quanto studente di fotografia, a cui seguono anni di lavoro sempre nello stesso campo: diventa assistente di fotografia a Milano e poi proprietario di uno studio fotografico. Qui si dedica a scatti di moda, riprese still-life oltre che alla fotografia così detta fine art: uno stile libero da schemi predeterminati tanto dall’esterno quanto da noi stessi, e lontana da ogni scopo commerciale. Ma l’artista continua a lavorare per perseguire la sua passione, così supera una dura selezione e, nel ruolo di direttore artistico, entra a far parte del progetto Creative Academy di J. Walter Thompson. Decide quindi di tornare alla fotografia nella sua forma più pura: sperimenta moltissime tecniche diverse e lavora con moltissime macchine fotografiche diverse, inclusa una fase in cui si dedica alla fotografia con Polaroid. Nello stesso periodo riesce a realizzare esibizioni personali e partecipa a mostre collettive, nazionali e internazionali. La precoce scoperta della stampa in Fine Art gli permette di ottenere un ruolo di primo piano per la sede italiana di EPSON Digigraphie. Il suo nome compare, inoltre, tra i fondatori dell’AFI (Archivio Fotografico Italiano) di cui è stato direttore per otto anni; nel 2014 partecipa al Festival fotografico italiano.