Mare d'inverno #1

  • Luigi Tazzari
  • 2012
  • N. Inv. 312.16.01
  • Edizione 30 + 2 AP
  • Categorie: Paesaggio
Formato M
53x80cm Dimensioni
Inkjet pigmented print su carta Hahnemuhle Tecnica
Cornice Americana Montaggio
 
53x80cm Dimensioni
Digital C Print su carta Fuji DP II Tecnica
Montata sotto plexiglass Montaggio
 

Mare d’inverno di Luigi Tazzari si inserisce all’interno di una consolidata ricerca artistica dell’autore attraverso i litorali della costa romagnola. Questa serie ci proietta, però, su un versante opposto rispetto alle spiagge caotiche e sovraffollate a cui ci ha da tempo abituato la stagione estiva. Infatti, i soggetti immortalati sono gli stessi che il fotografo ha già documentato in altre occasioni, qui colti in una veste del tutto inedita. Come lo stesso Tazzari ha raccontato, «siamo abituati a osservare la Riviera attraverso altri canoni e mi interessava proprio il contrasto tra neve e cielo, l’effetto di spaesamento delle prime fotografie, che permettono poi di svelare pian piano il luogo in cui siamo». E così, scatto dopo scatto, si susseguono non più chiassosi frammenti di vita balneare, ma silenziose meditazioni invernali che indagano, sotto una nuova luce, luoghi già sperimentati. Non c’è traccia del caldo, del vociare, della confusione; solo un grande senso di metafisica e imperturbabile quiete. L’atmosfera che si respira in queste fotografie è rarefatta, sospesa, e contribuisce a plasmare immagini poetiche e suggestive, dotate di un evidente potere di straniamento sull’osservatore. Le spiagge ricoperte da un folto manto di neve, assai simili a un deserto artico, diventano uno scenario surreale, tutto da riscoprire in questa nuova veste, solitaria e invernale.
Definito un classico della fotografia contemporanea, Luigi Tazzari risiede a Ravenna, dove nel 1983 prende avvio la sua carriera di fotografo professionista: segue le lezioni del maestro Luigi Ghirri e si ispira alle istanze della Scuola Emiliana di Fotografia. Passione e inclinazione naturale si uniscono all’intenso lavoro, permettendo a Tazzari di vedere pubblicati numerosi servizi su importanti periodici nazionali e internazionali, tra i quali ricordiamo L’Espresso, Dove, Panorama e Viajes National Geographic Spagna. Le ottime recensioni e la cura per ogni scatto lo espongono all’interesse di grandi nomi della fotografia, ed è così che inizia una ventennale collaborazione con l’Agenzia Fotografica Grazia Neri e con la parigina Gamma Presse Images. Dal 2004 l’artista si concentra sulla pubblicazione di diversi libri fotografici che raccolgono le sue serie, corredate da testi che ne esaltano bellezza e valore. Collabora inizialmente con Minerva Edizioni, successivamente con Damiani, con cui nel 2009 pubblica l’opera Four seasons, dedicata alla riviera romagnola. Hanno scritto di lui importanti firme della critica fotografica come Roberta Valtorta e Roberto Mutti.