Il Castello

  • Stefano Regazzoni
  • 2010
  • N. Inv. 356.16.06
  • Edizione 30 + 2 AP
  • Categorie: Architettura, Paesaggio

Milano è moda, Milano è design, Milano è cultura. Milano è la città dai mille volti, sempre dinamica, vitale e inarrestabile. La grande metropoli europea ha catturato l’attenzione di Stefano Regazzoni che, all’interno della serie Milano D’inverno, lancia all’osservatore un invito a riconsiderare i luoghi conosciuti sotto una luce differente. La città è presentata in una veste nuova, calma e silenziosa, avvolta da un soffice manto di neve. La contemplazione del candido paesaggio innevato lascia spazio a una meditazione interiore su questa inusuale anima della città, diversa da quella a cui siamo comunemente abituati. Dietro l’obiettivo del fotografo, si disvela una suggestiva immagine di Milano e dei suoi luoghi simbolo, lontana dal traffico, dal brusio e dalla confusione quotidiana. Tra questi il Castello Sforzesco, una delle più importanti attrattive milanesi, che ogni anno richiama a sé migliaia di turisti da tutto il mondo. Ma non c’è spazio per l’individuo in questa serie; il paesaggio urbano prende il sopravvento e la neve, con il suo candore, avvolge ogni cosa, dilatando la percezione dello spazio. Milano si trasforma così in una città solitaria, silenziosa, quasi metafisica, dove, come scrive Ada Negri, «tutto d’intorno è pace».
Nato e cresciuto a Milano, Stefano Regazzoni inizia ad interessarsi di fotografia nel 1987. Il primo periodo di attività lo vede studiare e approfondire da autodidatta vari aspetti della sua nuova passione: esplora l’ambito del ritratto e della fotografia paesaggistica, passando per la ripresa di oggetti in movimento con la fotografia sportiva. Ma è la fotografia di argomento architettonico che determina il momento cruciale nella sua attività. Progetta un supporto per le macchine fotografiche medium-format e, brevettato nel 2001, viene riconosciuto e menzionato in vari periodici del settore. 
Segue immediatamente una svolta artistica e professionale: da sempre instancabile viaggiatore, Regazzoni decide di unire le due passioni. Scatta in ogni parte del mondo, concentrando la sua attenzione sulla fotografia paesaggistica delle più remote e affascinanti aree del pianeta. Questa esperienza porta alla pubblicazione di Deserts nel 2002,ritratto di alcuni tra i più famosi deserti della Terra quali Sahara, Kalahari, fino all’Outback australiano. Il 2004 è l’anno di Egypt e New Zealand, pubblicati entrambi da Edicart.