Il rumore del silenzio di Djupavik

  • Andrea De Amici
  • 2014
  • N. Inv. 98.15.05
  • Edizione 100 + 2 AP
  • Categorie: Acqua, Paesaggio

Uno dei misteri più affascinanti del silenzio è che esso non fa mai lo stesso rumore. Nel fiordo islandese di Djupavik, per esempio, sembra muto alle orecchie di chi non sa ascoltare attentamente, ma appare loquace a coloro che sanno immaginarne il canto. La bellezza malinconica di questo angolo estremo del mondo, isolato e incantevole, è messa in risalto, fin nella sua più intima essenza, attraverso l’uso del bianco e nero. La nebbia fitta, accarezza il fiordo avvolgendolo in una dimensione leggera ed eterna che lo ripara dal rumore del tempo. Al centro di questo spazio infinito e silenzioso si erge una costruzione di legno, monumentale recinzione dove ristorarsi prima di perdersi nel malinconico oblio.
Andrea De Amici, dopo un percorso formativo in cui curiosità e osservazione sono stati elementi indispensabili, si dedica alla fotografia spinto dalla passione di voler raccontare, in immagini, le culture e i popoli del mondo. Si specializza in ritrattistica e reportage di viaggio, i generi che caratterizzano la sua ricerca, attraverso la frequenza ai corsi organizzati da Nikon. Ha realizzato reportage in Islanda, Birmania, Marocco, Thailandia, Perù e Africa. Fotografo freelance con base a Milano, parallelamente alla carriera fotografica tiene corsi di fotografia digitale e travel workshop improntati all’insegnamento di strategie, principi e tecniche di realizzazione.